Occhiali da sole Donna Damp;G 3505 o1trZdfLDn

SKU92534958
Occhiali da sole Donna D&G 3505 o1trZdfLDn

Occhiali da sole Donna D&G 3505

Occhiali da sole la scelta perfetta per gli sport e le attivit¡§¡è all'aria aperta come camminare, andare in bicicletta, guidare, fare shopping, viaggiare, camminare ed adatto come accessorio di alta moda e abbigliamento quotidiano tutto l'anno. anche un regalo confezionato pronto, che lo rende un'idea regalo meravigliosa e pratica per amici e parenti!
Italia
Accetta
Curiosità
Suzuki Jimny
21 Giu, 2018 alle 10:00am
Di : Redazione

Una "contro" l'altra le ultime due generazioni della piccola fuoristrada

Sarebbe divertente sapere cosa pensassero i proprietari di una vecchia Jimny il giorno in cui Suzuki presentò nel 1997 la terza generazione . Immaginiamo che molti abbiano storto il naso di fronte ad un cambiamento così radicale, visto che la piccola fuoristrada abbandonava lo stile geometrico e tutto spigoli portato avanti dalla prima generazione (del 1970) in favore di linee più morbide e arrotondate. E' l'inverso di quanto accade per il nuovo modello, che torna ad avere un look geometrico e spigoloso e abbandona le forme tondeggianti che il costruttore giapponese ha lasciato quasi del tutto invariate dal 1997 ad oggi. Ecco perché abbiamo messo in piedi un confronto stilistico fra vecchia e nuova Suzuki Jimny .

Suzuki look geometrico e spigoloso

Da qualsiasi lato si osservi la nuova Jimny è difficile ritrovare somiglianze con il vecchio modello, anche se fra i due ci sono evidenti punti in comune: la presa d'aria rettangolare nel fascione ad esempio è molto simile e la mascherina ha quattro feritoie e il logo nel mezzo. Il suo aspetto però è molto più massiccio e scolpito, a differenza dei fari, che sono tondeggianti come sulla prima generazione. Il cofano motore è del tipo a coperchio, quindi non fa nulla per integrarsi con i fianchetti ma sembra appoggiarsi al di sopra. L'altezza da terra rimane generosa ed i fascioni sono corti per migliorare la capacità dell'auto di arrampicarsi fuoristrada. Le protezioni anti-graffio sono meno estese, in particolare sulle fiancate.

difficile ritrovare somiglianze fari, che sono tondeggianti

Le somiglianze sono del tutto assenti nella fiancata, dove la quarta generazione della Suzuki Jimny si ispira chiaramente alla prima e seconda serie: i vetri laterali sono perfettamente squadrati e non hanno più l'angolo smussato come la Jimny del 1997. Gli archi passaruota sono meno arrotondati di prima e lo stesso vale per le portiere, dove gli spigoli sono più accentuati rispetto alla vecchia serie. Il tappo del serbatoio è rimasto però sulla fiancata destra. La Jimny del 2018 non ricorda la terza generazione nemmeno guardandola da dietro, dove il lunotto rettangolare è un chiaro omaggio alle prime due serie, a differenza della terza che invece ha spigoli più morbidi e arrotondati. La ruota di scorta sul portellone ed i fari in basso sono tratti ripresi fin dal 1970.

Burberry 0BE4211 354487 Occhiali da Sole Uomo Grigio Dark Grey/Grey 55 Grigio (Dark Grey/Grey) Occhiali da Sole Uomo Burberry 0BE4211 354487 K9gLl1mO

Link Campus University apre le porte ad aspiranti performer e filmMaker con il contest “ 100 secondi del tuo talento “.

performer filmMaker 100 secondi del tuo talento

Un concorso dedicato ai ragazzi tra i 17 e i 22 anni , con o senza esperienza professionale, che avranno l’occasione di mostrare il proprio talento ad una giuria di professionisti del mondo cinematografico e teatrale, coordinata da Alessandro Preziosi .

ragazzi tra i 17 e i 22 anni giuria di professionisti Alessandro Preziosi .

Per partecipare al concorso basta registrarsi su www.100secondideltuotalento.unilink.it e caricare un video da 100 secondi in formato MP4 e a tema libero (un corto per i filmmaker e una propria esibizione per la categoria performer).

un video da 100 secondi in formato MP4 a tema libero

I video dovranno pervenire entro il 30 ottobre 2015 .

entro il 30 ottobre 2015

Una giuria composta da registi, autori e produttori cinematografici e teatrali, diretta da Alessandro Preziosi , (attore, regista e Programme Leader del Corso di Laurea in DAMS di Link Campus University) visionerà i filmati e decreterà 3 vincitori per ogni categoria .

Alessandro Preziosi Corso di Laurea in DAMS 3 vincitori per ogni categoria

I 3 migliori performer vinceranno la partecipazione al laboratorio di Audition (80 ore).

Audition

I 3 migliori filmMaker vinceranno la partecipazione al laboratorio di FilmMaking (80 ore).

FilmMaking

I laboratori sono organizzati e gestiti da Link Theatre , Centro di Ricerca e Formazione nel settore dello spettacolo di Link Campus University.

Link Theatre

I risultati del contest saranno pubblicati su Swiss Eye Occhiali sportivi moda Avenue Multicolore black shiny/crystal Z2V sgSZNroW
entro il 17 novembre 2015.

Il contest 100 secondi del tuo talento è una delle tante iniziative volte alla ricerca di giovani talenti del mondo dello spettacolo organizzate dal Corso di Laurea in DAMS di Link Campus University che, coniugando la preparazione universitaria con i laboratori di una vera accademia, da ormai 10 anni forma attori , autori , performer e registi che hanno raggiunto le più importanti platee nazionali e internazionali: da Joele Anastasi , attore, autore e regista vincitore del Roma Fringe Festival e del San Diego Fringe Festival2013 , a Dimitri D’Urbano, attore e perfomer, in scena nei teatri nazionali e internazionali con gli ultimi tre spettacoli di Emma Dante e nella scorsa stagione del Teatro La Scala con la Carmen, a Gianni Spezzano , attore, drammaturgo e regista premiato Migliore Attore con Medaglia del Presidente della Repubblica, per l’interpretazione in “Patrizio” , spettacolo da lui stesso scritto.

Tornando al presente, dunque, a cosa si deve questa rinascita del fantastico?
Cixin Liu (Yangquan, Cina, 1963) è uno dei più prolifici, noti e innovativi autori cinesi di fantascienza, vincitore per nove volte del Premio Galaxy.

La portata innovativa si adatta alla fantascienza, ma non al fantasy, per lo meno per quel che riguarda gli sviluppi tecnologici che interessano i leader cinesi. C’è però un elemento che potrebbe convenire a entrambi i generi: l’irriducibile stranezza della realtà, che, all’indagine di discipline molto eterogenee tra loro, risulta di una complessità crescente, in rapido allontanamento dalle convinzioni del senso comune. Insomma, più la realtà è incredibile, più il fantastico coincide col realismo .

Insomma, più la realtà è incredibile, più il fantastico coincide col realismo

Non parlo solo delle bizzarrie della fisica , né tantomeno delle nuove tendenze in filosofia, che di stramberie ne ospita sin dalla nascita, ma soprattutto di quei fenomeni la cui portata è troppo vasta per essere abbracciata nella sua totalità. Un filosofo inglese contemporaneo, TimothyMorton, li chiama iperoggetti. Semplificando il concetto (e ripulendolo da qualche goffaggine metafisica) si tratta di fatti troppo complessi e in cui siamo troppo addentro per capirci qualcosa. Un esempio tipico è il riscaldamento globale: un fenomeno di importanza vitale, di difficilissima gestione e la cui portata è impossibile da assorbire nella vita quotidiana.

Un filosofo inglese contemporaneo, TimothyMorton, li chiama iperoggetti.

È stato notato che Annientamento , il libro di Jeff Vandermeer da cui è stato tratto l’omonimo film (distribuito da Netflix) restituisce bene – aggiungo, in modo realistico – questo aspetto destabilizzante della scienza. La misteriosa Area X in cui si aggira la protagonista, con la sua ecologia invadente e aliena, disposta a dare delle risposte a patto di portare alla luce misteri ancor più vertiginosi, è, in effetti, un inquietante iperoggetto. Nelle parole dell’autore: «Il suo effetto non può essere compreso se non ci si trova lì. Neanche la sua bellezza può essere capita; quando vedi la bellezza nella desolazione qualcosa dentro di te cambia. La desolazione tenta di colonizzarti». E ancora: «È così che la follia del mondo tenta di colonizzarti: dall’esterno verso l’interno, obbligandoti a vivere nella sua realtà».

È stato notato che Annientamento , il libro di Jeff Vandermeer da cui è stato tratto l’omonimo film (distribuito da Netflix) restituisce bene – aggiungo, in modo realistico – questo aspetto destabilizzante della scienza.
Annientamento - di Jeff VanderMeer (Einaudi). La copertina è di Lorenzo Ceccotti

La fragilità del confine tra fantastico e realismo è oggetto anche degli ultimi due romanzi di Vanni Santoni . Nell’ultimo, L’Impero del sogno (Mondadori) , il fantastico invade dichiaratamente la realtà, fino a un’inevitabile confusione dei piani. Ne La stanza profonda (Laterza) invece, il fantastico, frutto di un gioco, resta più o meno al suo posto , ma riesce a descrivere l’esistenza dei protagonisti con maggior forza della loro vita quotidiana («si torna al dungeon perché è il luogo del subconscio. Di più: perché è il subconscio, dove il dettaglio si scioglie in archetipo e il tempo si riorganizza a sistema di scelte»). Il gioco di ruolo a cui si dedicano i protagonisti non è una fuga dalla realtà della provincia, ma un modo per indagarla e oltrepassarla. Le mappe del mondo fantastico non si inventano , si scoprono , esattamente come quelle del mondo reale.

USEFUL LINK

Villa Blanc, Via Nomentana, 216 - 00162 Roma Roma, Italia Tel. +39 06 852251 Email: luissbs@luiss.it

The PMI Registered Education Provider logo is a registered mark of the Project Management Institute, Inc. Use of this website constitutes acceptance of the Privacy Policy and Cookie Policy © LUISS Business School Villa Blanc,Via Nomentana, 216 00162 Roma, Italia - Centralino T 06 852251 - P.IVA 01067231009